Visita con noi

L'Atelier delle Idee.

Scienza & metodo Biostoria

Scienza & metodo Biostoria
Prof. Antonia Colamonico, epistemologa.

Centro Studi - Acquaviva F. (BA)

Centro Studi - Acquaviva F. (BA)
aula cenacolo

martedì 11 marzo 2008

Il silenzio come libertà dal tempo




Mi son seduto e ho ascoltato il silenzio di Dio


Mi son seduto e ho incrociato le gambe,

Per una notte intera, di fronte alla luna piena:

Vibrava appena nello specchio del lago scuro,

Le creste bianche dei monti ondeggiavano a contorno,

Abeti neri vigilavano immobili.


Mi son seduto faccia a faccia col vento teso, pungente

Nello smeraldo brillante della quota

E la lama del sole violettava le gote.


Mi son seduto e ho incrociato le gambe

Sull’alta scogliera: ho ascoltato il mare,

Il rombo profondo e perduto dell’onda,

Lo stridio disperato del gabbiano,

I vani rumori della spiaggia lontana.


Mi son seduto, ho incrociato le gambe

E ho ascoltato la corrente quieta del grande fiume:

nessun nemico mi è scivolato davanti.


E finalmente i miei silenzi hanno taciuto,

Anche il dubbio si è sopito

e ho ascoltato il silenzio di Dio.


Allora ho appoggiato il capo sul tuo petto

E ho sentito i battiti d’amore del tuo cuore.

il silenzio è la delimitazione del «limen», di una soglia sacra, simbolica, è uno speculum. Un buio da cui ri-emer­gono le immagini. Cosi come l'ori­gine del cinema: un buio silenzioso da cui d'improvviso emerge l'immagine e il movimento e l'azione.

Il silenzio, dunque, è, struttural­mente, un presagio dell'accadimen­to e dell'evento; per questo lo sguardo si fa più attento ed intenso e carica di significato ciò che osser­va. Ancora una volta e per la prima volta ho visto, notato, compreso. E mi stupisco.

I registi utilizzano il black out della colonna sonora proprio per esaltare l'effetto di straniarmento, di visualizzazione, di distacco e, con­temporaneamente, di presa emotiva.

il silenzio rende presenti alla co­scienza di tutti e del singolo una se­ne di emozioni e di immagini fan­tasmatiche… lo stare insieme in silenzio è un modo parti­colare per studiare e apprendere, per creare un ambiente adatto …(che) si muova verso una decisione … verso una nuova dimensione operativa o ideativa… creativa… E' una sorta di raccolta di forze psichiche e mentali, di condensa­zione delle risorse e delle energie del singolo … una dimen­sione nuova della libertà: la libertà dal tempo.

Nel silenzio… tutti elevano i loro stan­dard emotivi: possono fare appello alle loro difese psicologiche, alla loro esperienza professionale, alla pro­pria capacità di razionalizzare… E, pertanto, si avvia… un pro­cesso di con-sentire…

(da Angelo Rovetta - Il silenzio nella comunicazione gruppale)

Il Filo S.r.l. - Palestre della Mente -

Via S.no Ventura, 47/d
70021 Acquaviva delle Fonti (BA)
Tel. 080 4035889

Amministratore Unico
Dr. Marcello Mastroleo


Boston - MIT / interno area studenti

Perugia. Esame di PH.D.

Collaborazioni

Collaborazioni
la bellezza dell'Umanità

Perugia, Agosto 2008